LE OPERE QUI ILLUSTRATE DOCUMENTANO IL LAVORO DELL'ARTISTA

...Nel M.A.C. fino al '53; poi alla Biennale di Venezia del 1954, una parete di 5 quadri come quelli della Quadriennale romana del '55 dove ormai si può parlare di "espressionismo astratto": Già nel '54, infatti, Biglione espone quadri diversi dal geometrico,  dai colori tenui, liricissimi... Dopo una parentesi più che decennale, che Gillo Dorfles (1974) chiama di meditazione e di ripensamento, Biglione, decantato, più libero e più fantasioso, si trova al bivio tra una ricerca di" astrattismo organico" e, insieme, l'immissione  nei suoi dipinti di strani "alfabeti"... " Le Scritture presenti adesso nei miei dipinti- che Gillo Dorfles definisce "strani alfabeti", scritture semantiche- sono, secondo me, un elemento di comunicazione; messaggi senza un significato concreto ma indicativi. Spesso sfrutto questo finto linguaggio come un semplice fatto decorativo, anche se mi rendo conto che, per la pubblicità, i giornali, le scritte murali che ci siamo abituati, può svolgere una funzione differente" ("Tempo", 26 aprile 1974)   Una scritta illeggibile che diventa pittura-pittura per la sua estrema raffinatezza ed eleganza e per la sua sottile e sensibile fantasia...                                                                                     Vanni Scheiwiller  (gennaio'76)

BIGLIONE ANNIBALE
Nato a Settimo Vittone nel 1923+1981
 
 
1944 Autoritratto Giovanile    disegno 42,2x33
  1974 Come detto prima 110x85  Esposto "Torre Formage " Aosta- Ferrara- Pubblicato Catalogo           "Allitterazione"  Data n°22 1976- Igiorni e gli artisti 81-Bolaffi 1998 n°23 pag.39-ArteContemporanea
          97/98 Pag.  CCXXIV
 
1975 La morte da cui fuggite 80x60       Opera esposta ad Aosta e Ferrara
 
1976 Quale sorpresa  80x60
 
 
1976 L'incubo del sole  100x80            
 
1980 Non c'era nessun altro
 80x60
1980 S.T.  60X50 
 
    100.JPG (9185 byte)

102.JPG (5591 byte)   106.JPG (11420 byte)

107.JPG (8859 byte)   109.JPG (7129 byte)