CAPPELLETTI

"Cappelletti dipinge pittura, dentro la pittura (piani, colore, figure) guarda come uno specchio. Per dirla con una formula un poco altisonante: fa della pittura al quadrato. E col fare della pittura al quadrato, col guardare a che cosa fa la pittura nella sua struttura sotterranea, attraverso la tettonica e la tensione che la tengono su, che la esibiscono racconta di una macchia non solo ottica. Riaggancia il meccanismo del più lirico e sfuggente dei generi pittorici, cioè del paesaggio: attenzione a non intendere queste tele come paesaggi, cieli, montagne, nuvolaglie sull'orizzonte, non c'entrano. Ripeto, la pittura di Cappelletti non rappresenta, il paesaggio è tale, una figura di spazi, un dispositivo di colori, una costruzione di piani quando si rileva come ostinato, intenso rigore della mente che comincia a collocare i segni, a diffondere i colori di una mappa astratta, ideale.        

                                                                                     Paolo Fossati

                           

Cappelletti Mauro, Nato a Trento nel 1948. Vive e lavora in Via O. Rovereti 9

 

 

 

 

2002 "Arie" acrilici su tela 50x50

 

 

 

 

         479-2.JPG (26831 byte)       479-3.JPG (26584 byte) 

          479-4.JPG (25618 byte)       479-A.JPG (34107 byte)