LE OPERE QUI ILLUSTRATE DOCUMENTANO IL LAVORO DELL'ARTISTA

Triestino di nascita, milanese di adozione, pittore, disegnatore e scultore, diplomato all'Istituto d'Arte e al Conservatorio, appassionato di musica jazz e letteratura, appartiene a quel filone ideale che rappresenta lo specchio della triestinita, trapiantato in Lombardia, nell'hinterland milanese fin dal 1966, ha assommato a quelle radici culturali una precisione di rapporti matematici, rigore intellettuale e pulitezza di design.  dagli anni Settanta tralascia progressivamente la pittura, la scenografia, l'insegnamento del design, per dedicarsi quasi esclusivamente alla scultura lignea, forme di sculture ambigue e ambivalenti, sempre fedeli a una visione provocatoria dell'espressione figurativa.  Sono nati così la porta del Savini a Milano, della   Maska a Scandiano e della Scaletta di San Polo di Reggio Emilia, il Dionisio di Gualtiero Marchesi; gli arredi e le vetrate della chiesa di San Giuseppe del Collegio Villoresi a Monza, le sculture dell'Annunciata di Peregallo e le vetrate del Santuario della Beata Vergine del Rosario di Vimercate, la hall della sede di Santa Cecilia Band di Besana, la porta della Galleria la Filanda di Verano.  L'opera più recente è il mega graffito di 10,368 mq. di Piazza dell'Unità d'Italia di Trieste nel 2000. Sue opere alla casa dell'anziano Massimo Lagostina Omegna:donazione Grassi- Spriano

CHERSICLA BRUNO
Nato a Trieste nel 1937
Morto a Trieste il 3 maggio 2013
 
 
 
1989 Cin-Cin
Acrilico su tela 100x80
Pubblicato A.C.I. pag. 82
1989 Organetto 100x80

 

1989 Teledipendente 100x80

1989 Ballerina  100x70

 

 

1989 Valvola 100x709

1989 S.S. 9x6

 

290B.JPG (28471 byte)    407B.JPG (32554 byte)

580B.JPG (33315 byte)      584B.JPG (36634 byte)

225B.JPG (35111 byte)      586B.JPG (33835 byte)