LE OPERE QUI ILLUSTRATE DOCUMENTANO IL LAVORO DELL'ARTISTA

Conclusa l'esperienza informale, Fusi, dopo alcuni anni di riflessione e di silenzio, approda all'astrattismo geometrico, diventando una delle figure più rappresentative del concretismo in Italia.  Dal 1965 fino circa la metà degli anni Settanta- periodo che coincide con il soggiorno milanese- Fusi sperimenta tutte le possibilità linguistiche del concretismo, fino alla completa oggettualizzazione della tela in forme tridimensionali.    Sono di questi anni le maggiori affermazioni nazionali ed internazionali, dai "Saloni" parigini, al XX Salon di  Madrid, alle mostre di Belgrado, Anversa, Caracas, New York, Chicago, fino alla grande mostra personale al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, nel 1976, che segna la conclusione di questo secondo ciclo della sua ricerca artistica.   Alla fine degli anni Settanta, Fusi torna a Firenze dove svolge una ricerca di essenzialità linguistica applicata ai valori del segno, del colore e del gesto

Vanni Scheiwiller alla presentazione mostra galleria Jacques Baruch - Chicago- 1971: ".Walter Fusi , è nato nel 1924 a Udine. Is diploma allo studio magistrale  di Colle Val d' Elsa Frequenta l'Accademia di Belle Arti di Firenze- ...Gli anni 1950-1960 lavora nella sfera del movimento informale... La mostra milanese  del 968, che Giovanni Accame presentò col felice titoli:Un'ipotesi segnaletica...Parafrasando le parole di Lara Vica Masini (1970) < ha superato e risolto il problema della bidimensionalità dell''immagine, che ricupera  in uno spazio "antropologicamente" qualificato e al contempo Polivalente>. In breve esperimento artistico attuale, che coinvolge pittura, scultura,e architettura"

FUSI WALTER
Nato a Udine nel 1924 - Siena 2013
 
 
 
1977 f.035/77
Tecnica mista su cartoncino

 

 

 

 

 

1972 Collage 70x50

284-2B.JPG (30147 byte)   284-3B.JPG (22294 byte)

284-5B.JPG (20690 byte)    284-7B.JPG (15375 byte)