LE OPERE QUI ILLUSTRATE DOCUMENTANO IL LAVORO DELL'ARTISTA

Partecipe e interprete della cultura italiana e milanese del dopoguerra, conduce la propria esperienza artistica parallela a quella di Morlotti e Chighine e, in campo internazionale vicina agli esiti di De Stael, Fautrier, Tobey, Hartung e Pollok.   Tutta la sua ricerca indirizzata alla costante riflessione sull'aggregarsi della materia pittorica, scavata con insistenza, contrassegnata da impreviste sedimentazioni o dispersioni, in un universo di intenso cromatismo, immerso entro una drammatica luce monocroma.    Amico di Manzoni e Castellani, nel 1954 firma con Mario Bionda e Ralph Rommey il manifesto "L'antiestetica"

GUENZI COSTANTINO
Nato a Milano nel 1926- Morto nel 1989
 
1973 oggetti nello spazio
 tec. mista 70x100

1974/75 Olio su tela e tec. miste

  

   235B.JPG (20387 byte)